Aggiungi un posto alla colazione della libertà

Io faccio l’attore e…

Io ho le rate della macchina da pagare e…

Io ho un fidanzato che vive a tre minuti da casa mia e…

Io non sono compreso nel bonus da 600 euro e…

Ci si batte per le libertà altrui, non per la propria.

Alla tavola dei diritti non ci si siede solamente quando vengono toccate le proprie facoltà e i propri privilegi. Alla tavola dei diritti bisogna accedere quando vengono tolte le spettanze, anche a proprio personale vantaggio, al vicino di casa che ci sta antipatico, all’oppositore politico che ci è sempre andato contro, a chi la pensa in maniera opposta e contraria alla nostra.

La libertà non è personalistica e non è in funzione di io, ma è collettiva, sociale e in funzione di noi.

Ad ogni modo, benvenuti a tavola: c’è sempre posto per tutti.

Cagliari, 27 aprile 2020

p.s. io la penso così, tu pensala come vuoi